sabato 19 luglio 2014

Una furia d'oro. Klimt e Banshee


Antefatto, in macchina un giorno di primavera.
Protagonisti: mamma, Amelia (5 anni), Tecla (3 anni e mezzo)
Mamma: Bimbe, vi piacerebbe andare a vedere una mostra a Milano?
Amelia: Sii, a vedere cosa?
Mamma: C'è una mostra di Klimt
Amelia: Chi è? Il pittore che abbiamo fatto a scuola?
Mamma: Sì quello che dipinge con tanto oro.
Tecla: Come il libro di Banshee...
Mamma: !

Dovete sapere che Amelia e Tecla alla scuola dell'infanzia hanno fatto tutto un percorso basato sulle opere di pittori del 900 che sono stati il filo conduttore per l'attività didattica.
L'educazione al bello e all'arte nel quotidiano... e lo abbiamo fatto anche a casa.
Con piccole azioni semplici: leggere insieme ad alta voce dei libri validi per il testo e belli per le immagini aiuta lo sviluppo di un linguaggio articolato e la capacità di analisi.
Fra i libri letti durante l'inverno c'è lo splendido libro della Gallucci La furia di Banshee di Jean-Francois Chabas illustrato da David Sala.


E l'associazione di Tecla non poteva essere più azzeccata. L'illustratore si è davvero ispirato a Klimt chiudendosi per un mese nel Leopold Museum di Vienna prima di illustrare la furia di Banshee...
Non potevo non portarle.
Finalmente, quasi all'ultimo - la mostra è finita domenica scorsa - siamo riuscite ad andare, in compagnia del papà.



Bellissimo!

4 commenti:

  1. I semi germogliano, con nostro infinito stupore; a noi il compito di seminare (e di aspettare)...
    Claudette

    RispondiElimina
  2. Klimt mi piace! Devo segnare il libro per i futuri acquisti! grazie per la segnalazione

    RispondiElimina