mercoledì 6 giugno 2012

Cinquecento cavalieri sciroppati

della campagna bella
se fossi la regina
sarei incoronata,
ma son contadinella
mi tocca lavorar.

E cinquecento cavalieri
con la testa insanguinata
con la spada sguainata
indovina che cos'è.
E sono, sono le ciliege!
Sono, sono le ciliege.
Sono, sono le ciliege
che maturan nel giardin.

Preparare cinquecento cavalieri dalla testa insanguinata per metterli sotto sciroppo.
Son contadinella, mi tocca lavorar.

Le ricetta per le ciliegie sciroppate la trovate qui.

Lo sapete che oggi si festeggia san Gerardo dei Tintori, patrono della ciliegia?
Buone ciliegie a tutti!

4 commenti:

  1. Mi hai fatto fare un salto indietro di tantissimi anni: la mia mamma ci cantava sempre questa canzoncina quando comparivano in tavola le prime ciliegie...Quanto a San Gerardo sapevo che era patrono di Monza, insiema a San Giovanni Battista (e Monza è una città che mi piace moltissimo)ma non che fosse anche patrono di questo allegro frutto.
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi non solo cantavamo questa filastrocca ma facevamo un bellissimo balletto. In questo periodo, sarà che le mie figlie crescono, stiamo rispolverando tutti i giochi che facevo da piccola. Bellissimo e a costo zero ;-)

      Elimina
  2. Ma che bella non conoscevo questa filastrocca ...purtoppoo casa mia il numero delle cilige diminuirebbe a vista d'occhio ....e addio cavalieri...
    francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui è difficile toglierle dalle manine golose... arrivano ovunque...

      Elimina