venerdì 15 giugno 2012

Abitini quasi-infiniti - Tutorial

Ricordo un libro della mia giovinezza dove l'autrice insegnava alla lettrice preadolescente come ridare vita nuova ad un vestito di maglia: prima abito lungo, poi corto, poi minigonna, poi... praticamente un utilizzo quasi infinito.
Anche quando gli abiti sono piccolissimi possono diventare quasi-infiniti.
Ecco come ho trasformato un abito taglia 3-6 mesi in una gonna per una taglia più grande circa 18-24 mesi (e anche 3 anni).

GONNA BABY DA ABITO BABY


Occorrente
abito da bambina taglia 3-6 mesi
elastico alto 1 cm
ago e filo in tinta
macchina da cucire

Tagliare il vestito appena sotto lo scalfo dell'ascella. Tenere la parte tagliata per eventuali decorazioni. Ripiegare due volte su se stesso il bordo tagliato e cucire a punto dritto. Lasciare una piccola apertura. Inserire l'elastico tagliato a misura con l'aiuto di una spilla da balia e fissarlo. Chiudere l'apertura con piccoli punti nascosti e voilà. La gonna è fatta.




Variante n. 1: questo abitino aveva il corpetto arricciato con l'elastico. Ho eliminato le spalline, ripiegato il corpetto su se stesso, ho cucito con punto dritto, infilato l'elastico e voilà, la seconda gonna è pronta.


Variante n. 2: per questa gonna ho mantenuto la cinturina e il bottoncino dietro per chiuderla. Non è stato necessario in questo modo inserire l'elastico. Voilà la terza gonna è pronta.



Questo tipo di gonna si cuce in pochissimo tempo anche perché non è necessario accorciare o adattare la misura e l'orlo è già fatto. Volete mettere poi la possibilità di riutilizzare tutti quei vestiti scappati di misura così in fretta? I figli corrono...


P.S. In questo periodo la mia macchina da cucire cuce senza sosta... si nota?


Ti potrebbero interessare anche:
2. Dolce dormita
3. Di feltro e lana. Riciclare il cambio di stagione

8 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazzzie! I complimenti fanno bene :D

      Elimina
  2. che belle! la mia mamma invece prende le magliette un po' cortine, le "allunga" con delle gonnelline cucite, aggiunge dettagli della stessa stoffa sulla maglietta...ed ecco dei vezzosi vestitini! non si capisce niente, devo fotografare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho capito benissimo, anche la collega di mia mamma faceva così... 30 e passa anni fa. E forse lo farò anch'io. Fai le fotografie che vengo a ispirarmi ;-)

      Elimina
  3. Bravissima, apprezzo questa capacità.

    Lo stesso lavoro lo osservo da mia suocera che recupera tutto: magliette, pantaloni, giacche e tutto si trasforma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel concetto: tutto si trasforma ;-)

      Elimina
  4. Sei proprio brava e piena di inventiva: la mia nonna era sarta e con noi nipotine riciclava e trasformava. A me piace "pasticciare" qualcosa; per ora mi sono limitata ai vestiti di carnevale ma vorrei imparare sul serio....
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Fai le cose con calma e vedrai che non è poi così difficile. E fammi sapere se ci sono progressi :D

      Elimina