venerdì 9 marzo 2012

Sempre allegri bisogna stare - Interludio



Dai, dai cúnta sú,
ah beh, sì beh, dai cúnta sú, ah beh, sì beh...
Ho visto un re.
Se l'ha vist cus'è?
Ho visto un re!
Ah beh, sì beh, ah beh, sì beh...

Un re che piangeva seduto sulla sella,
piangeva tante lacrime...
ma tante che
bagnava anche il cavallo
Povero re!
...e povero anche il cavallo!
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...

È l'imperatore che gli ha portato via un bel castello,
Porca malò!
di trentadue che lui ce n'ha.
Povero re!
...e povero anche il cavallo!
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...

Ho vist' un vè...
Se l'ha vist cus'è?...
Ho visto un vescovo!
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...

Anche lui, lui piangeva, faceva un gran baccano,
mordeva anche una mano...
la mano di chi?
la mano del sacrestano.
Povero vè...scovo!
...e povero anche il sacrista!
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...

È il cardinale che gli ha portato via un'abbazia
oh pover Crist!
di trentadue che lui ce n'ha!
Povero vè...scovo!
...e povero anche il sacrista!
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...

Ho vist' un ric.
Se l'ha vist cus'è?
Ho visto un ricco! Un sciur...
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...
Il tapino lacrimava su un calice di vino
ed ogni go... ed ogni goccia andava
derent'al vin
...'sì che tutto l'annacquava.
Pover tapin!
...e povero anche il vin!
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...

Il vescovo, il re, l'imperatore l'han' mezzo rovinato,
gli han' portato via tre case e un caseggiato
di trentadue che lui ce n'ha.
Pover tapin!
...e povero anche il vin!
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...

Vist' un vilan.
Se l'ha vist cus'è?
Un contadino!
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...

Il vescovo, il re, il ricco, l'imperatore, perfino il cardinale
l'han' mezzo rovinato, gli han' portato via:
la casa, il cascinale, la mucca, il violino, la scatola di cachi,
la radio a transistor, i dischi di Little Tony, la moglie.
e pö cus'è?
...un figlio militare!
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...

...gli hanno ammazzato anche il maiale!
Pover purscel!
...nel senso del maiale!
Sì beh, ah beh, sì beh, ah beh...

Ma lui no, lui non piangeva, anzi, ridacchiava.
Ma sa l'è? Matt?
No! Il fatto è, che noi vilan...
noi vilan...

ehh sempre allegri bisogna stare,
ché il nostro piangere fa male al re,
fa male al ricco e al cardinale,
diventan tristi se noi piangiam.
Ah beh!

Da qualche tempo, quasi tutte le sere balliamo sulle note dell’ironica canzone di Dario Fo e Jannacci dell’edizione Gallucci magistralmente illustrata dal genio di Luzzati.

Quando lo riporteremo in biblioteca prenderemo in prestito Bella ciao dello stesso editore.
Per crescere persone "plasmanti" per la mia generazione e per la prossima.

Buon fine settimana

4 commenti:

  1. Mi è successa una cosa stasera. Ero sul blog e leggevo gli aggiornamenti nel blogroll e ho visto il tuo e ho cominciato a canticchiare mentre finivo di fare due-tre cosette sul pc.
    E m'è tornata l'allegria. Poi ho letto questo post e il sorriso m'è diventato grande da orecchia a orecchia.

    RispondiElimina
  2. Non l'ho mai sentita....... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malissimo!!! Prova a farla ascoltare anche ai tuoi pargoli e vedrai che l'allegria - intelligente - è contagiosa! E ballate :D

      Elimina