giovedì 16 febbraio 2012

Sette R per una vita più sostenibile: Risparmia

Eccoci al quinto appuntamento de Le sette R il mio (quasi) contest.
Questa settimana si risparmia.


Ho pensato e ripensato a cosa mettere in atto per risparmiare in termini di riduzione di rifiuti e alla fine le parole di Pallante che mi risuonavano nella testa hanno fugato ogni indugio. Una delle vie più efficaci per la riduzione dei rifiuti è cercare di risolvere il problema alla radice eliminando le cause della produzione dei rifiuti. E' nel momento della scelta dei beni di uso quotidiano che si deve pensare alle conseguenze sull'ambiente: questo prodotto che sto acquistando che impatto ambientale ha? Come posso ridurre gli effetti negativi della mia spesa?
Una delle risposte alla portata di ciascuno di noi è nelle pratiche di autoproduzione (DIY).
Le nostre famiglie d'origine ha una lunga tradizione di autoproduzione legate alla tradizione contadina e all'arte di arrangiarsi tipica delle famiglie non proprio ricche.
Nel nostro piccolo abbiamo cercato di mantenere queste buone abitudini e per il momento produciamo: marmellate e conserve (sciroppi, olive), yogurt, salse (maionese, ragu, pesto, besciamella), alcuni giocattoli (bambole Waldorf e giochi di legno) cominciamo a cucire qualcosa (biancheria di casa, qualche vestitino, qualche accessorio).
Per il futuro vorrei impegnarmi ancora di più. Ecco pertanto i miei obiettivi di autoproduzione per i prossimi mesi:

In cucina
pane
dado
margarina vegetale
prodotti da forno per la colazione e la merenda
burro

Cucito
abiti per le bambine
abiti per me
borse e sacchetti multiuso
ciabatte e pantofole

In casa
detersivi per la cucina e il bagno (sto studiando...)
cosmetici per la cura del corpo (qualche fondamentale... non esageriamo!)
giocattoli

E voi? Come ve la cavate con l'autoproduzione?

P.S.
Due cose: domani si risparmia energia aderendo alla campagna M'illumino di meno e poi si festeggiano i gatti!

6 commenti:

  1. Pane: celo
    torte per la colazione: celo
    marmellate: celo
    conserve e olio: li fa la mia famiglia d'origine, quindi celo
    giocattoli: celo
    vestiti per la bimba: mi sto attrezzando
    detersivi: qualche esperimento per il detersivo in polvere
    prodotti cura corpo: primi esperimenti (balsamo-impacco capelli)
    A presto, Verdiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invidia verde e speranza rosa... ce la posso fare. Brava!!!

      Elimina
  2. Col cucito mi limito ai costumi di carnevale, riciclando...
    In cucina me la cavo molto meglio con l'autoproduzione di pane, marmellate, dolci, sughi e salse varie, dado vegetale (quest'ultimo da Gaia del blog "Profumo di mamma").Tempo fa ero riuscita a far vivere per parecchio tempo la pasta madre,ma adesso diventa troppo complicato tenerla a bada.
    In linea generale sono più brava a riusare e a riciclare.
    Buon lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riciclare e riusare sono i primi passi... mi sembra comunque che tu sia sulla buona strada. Per le toppe dei pantaloni - ricordi? - ci possiamo attrezzare. Mia mamma le ha sempre fatte. Ce lo facciamo spigare da lei ;-)

      Elimina
  3. Mi sono salvata tutti i tuoi post sull'argomento negli "elementi speciali" perché voglio riprenderli uno ad uno e seguirti in questa "avventura"!
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello! Se deciderai anche di pubblicare il tuo percorso fammi sapere che mettiamo tutti i link del caso :D

      Elimina