lunedì 14 novembre 2011

Fall orange trip 2: foglie

Secondo appuntamento del viaggio cromatico di quest'autunno.
Vi siete guardati intorno? La natura da' spettacolo. Tutte le sfumature calde e solari dell'arancione che partono dal giallo e arrivano al marrone. Immergersi in questa sinfonia di colori solleva il morale e può riconciliare con il mondo. Approfittatene per passeggiare il più possibile nei giardini, nei parchi ma anche solamente lungo i viali alberati delle città: è terapeutico.
Ecco cosa fare (mia figlia Amelia docet):
1. Mentre camminate raccogliete qualche manciata di foglie, con le mani, e lanciatele in aria: come farfalle svolazzeranno intorno!
2. Se ci sono mucchi di foglie affondate i piedi (calzare degli stivali di gomma!) e scalciate. Il mucchio si sparpaglierà e voi vi sentirete molto più leggeri.
3. Se il posto lo permette e non piove da qualche giorno, ci si può anche sdraiare sotto gli alberi e guardare in su. Tutto girerà intorno a voi e se siete fortunati, una folata di vento vi regalerà una pioggia di foglie leggere e colorate.

Tutto questo benessere si può portare in casa.

Metodo n. 1 (effimero)
Composizione di foglie e crisantemi

Andate nel vostro giardino (o dal fioraio) e sciegliete un mazzo di crisantemi arancioni


Raccogliete una manciata di foglie (le nostre sono di tiglio)


Poi procuratevi un vaso di vetro cilindrico e un'altro vaso (o un bicchiere) che si infili di misura nel più grande. Non deve sporgere. Inserite il vaso più piccolo nel più grande e infilate in modo del tutto casuale le foglie nello spazio fra i due vasi. Riempite bene lo spazio. Non ci devono essere spazi vuoti. Recidete i rami di crisantemo perchè sporgano in modo compatto dal vaso più grande. Mettete l'acqua nel vaso più piccolo, inserite i fiori e sistemateli. A piacere si può inserire qualche stelo di graminacee che scompiglia un poco la composizione.


Metodo n.2 (durevole)
Essiccazione di rami autunnali


Occorrente
Rami con foglie (querce, faggio)
glicerina liquida (quella che si utilizza per i saponi fai da te)
Preparare i rami eliminando il fondo con un taglio obliquo che permette ai rami di assorbire meglio i liquidi. Preparare una soluzione fatta con 60% di acqua calda e 40% di glicerina. Mescolare bene. Immergere per circa 10 cm i rami nella soluzione. Lasciare immersi per 5-6 giorni, cioè fino a quando il colore virerà. Togliere dalla soluzione, asciugare bene e utilizzare per composizioni a piacere.
I rami così trattati mantengono a lungo i colori e non si seccano. Si possono utilizzare  immersi in acqua insieme ai fiori freschi o nelle composizioni di fiori secchi.
Un'avvertenza: il colore vira in modo imprevisto, dipende tutto dalle foglie. Tende comunque a scurire.

P.S. Se volete una cascata di foglie sopra la vostra testa potete sempre fare un mobil come questo che abbiamo realizzato l'anno scorso utilizzando questa tecnica.

PP.SS. Andate a guardare cosa succede in questi giorni al di là delle Alpi: in Svizzera da Eleonora e a Parigi da mia sorella Betta ... è autunno!

7 commenti:

  1. Anche qui l'autunno non è male con i suoi colori,le sue sfumature e le sue luci, ma le immagini che vengono dal di là delle Alpi sono veramente spettacolari.
    Claudette

    RispondiElimina
  2. @Claudette: l'autunno con i suoi colori e il suo disordine opulento è la mia stagione preferita. Com'è andata la cena dell'altra sera?

    RispondiElimina
  3. Grazie per la citazione, Nora e grazie per avermi fatto conoscere il blog di Betta :-)!

    RispondiElimina
  4. La cena è andata bene, l'atmosfera piacevole, l'ospite vulcanica come sempre;domenica prossima si replica con una coppia di amici carissimi. Sto già pensando al menu (una delle cose più belle di quando si hanno ospiti).
    Claudette

    RispondiElimina
  5. @Eleonora: ma prego e soprattutto grazie a te che ci porti nella sfera onirica della Svizzera. Proprio un paese da fiaba :-)
    @Mammainverde: :D
    @Claudette: bene! Anch'io adoro stilare menu. Pensa che ne ho un bell'elenco pensato per quando ricomincerò ad invitare a casa ;-)
    @Stima di danno: ooooohhh!

    RispondiElimina