sabato 22 ottobre 2011

Sofia: la prima bambola. Tutorial


Tecla ha compiuto un anno il mese scorso... per lei una bambola semplice morbida cucita dalla sua mamma. In ogni punto c'è un pensiero per lei, in ogni filo c'è un augurio di felicità e una preghiera.
Quando l'ho data a Tecla, lei l'ha abbracciata e si è rotolata sul lettone stringendola forte. Poi l'ha sbausciata ben bene. Buon segno.
Un bambino di appena un anno non ha bisogno di tanti  giocattoli. Uno di quelli essenziali è la bambola. La bambola è un simulacro dell'uomo e nelle sue linee essenziali il piccolo di uomo rivede se stesso e coloro che lo circondano. Con essa vive e rivive le sue emozioni. Come ho già detto in questo post non è necessario che la bambola sia particolareggiata e accessoriata, soprattutto per un bimbo così piccolo. Per questo ho scelto di  cucire una bambola anche più semplice di quelle Waldorf: il risultato è una specie di cuscino morbido a forma di bambola pronta per essere trascinata, schiacciata, ciucciata e abbracciata.
Questo tipo di bambola è facilissima da fare. Basta avere un po' di pazienza :-)
Ecco svelato il mio progetto n. 5.

Bambola di stoffa semplice

Occorrente:
maglina di cotone color carne
stoffa di cotone
lana per imbottitura
lana per i capelli
nastro
filo da ricamo per occhi e bocca
filo di cotone robusto color carne e in tinta con la stoffa del vestito
gessetto rosa
uncinetto (piccolo ma sufficente per prendere il filo di lana dei capelli)
ago
cartoncino e matita
Disegnare su un cartoncino la sagoma della bambola: la forma è intuitiva, pensatela come potrebbe disegnarla un bambino.
La testa sarà così formata da un cerchio sovrastante un rettangolo un po' lungo (il collo) e il corpo sarà a figura umana molto semplice: una specie di tutina con mani e piedi.
Nel ritagliare il modello però tagliate via le rotondità previste per piedi e mani perché questi saranno fatti a parte.
Testa
Ricavare dalla maglina doppiata la forma della testa e del collo lasciando 5 mm circa per le cuciture e tenendo la parte della maglina che deve rimanere esterna all'interno. Cucire con punti molto piccoli lasciando aperta una parte del collo. Rivoltare la stoffa. Inserire l'imbottitura nella testa senza comprimere troppo perché dovrà risultare soffice. Serrare all'altezza della gola il nastro con un nodo. Imbottire il collo rendendolo rigido (questo permetterà alla testa di non ciondolare) e chiuderlo a piccoli punti.
Corpo
Ritagliare nella stoffa di cotone doppiata la sagoma del corpo lasciando 5 mm di margine per le cuciture e cucire a piccoli punti tenendo l'esterno all'interno e lasciare aperta la parte del collo, delle mani e dei piedi. Rivoltare la stoffa.
Mani e piedi
Ritagliare dalla maglina color carne quattro quadrati calcolando le misure in proporzione al corpo. Formare con la lana da imbottitura quattro palline. Inserire una pallina in un quadrato e chiudere i quattro lembi legando con un filo di cotone robusto la pallina all'interno. Si formerà un fagottino che deve essere il più possibile rotondo. Fare gli altri.
Assemblaggio
Cucire a piccoli punti nascosti i piedi e le mani inserendoli nelle aperture rivoltando la stoffa del corpo in modo da lasciare all'interno il margine non cucito. In questo modo sarà ben rifinito.
Imbottire il corpo senza comprimere eccessivamente e senza formare avvallamenti spingendo però bene la lana fino in fondo alle gambe e alle braccia.
Formare nella lana del busto un incavo dove inserire il collo. Fino in fondo. Fermare cucendo con piccoli punti la testa al corpo rivoltando all'interno la stoffa del margine non cucito.
Capelli
Fare un segno a matita sulla testa che delimiti l'attaccatura dei capelli dalla fronte alla nuca. Utilizzando la lana per i capelli con punti lanciati coprire tutta la superficie della capigliatura procedendo in modo non troppo regolare. Fare una matassa di lana lunga il doppio della lunghezza dei capelli e tagliarla alle estremità ottenendo così i capelli.
Attaccare un capello alla volta lungo tutta l'attaccatura procedendo in questo modo: inserire l'uncinetto sotto la capigliatura ricamata e la maglina e prendere il filo del capello piegato a metà, tirarlo fuori con l'uncinetto e fare un nodo a bocca di lupo. Per la frangia tagliare qualche capello a misura. Legare i capelli in una treccia morbida sulla nuca. Se si vogliono fare due trecce bisogna attaccare i capelli anche lungo la scriminatura centrale posteriore partendo dalla fronte e arrivando alla nuca.
Per istruzioni più dettagliate e capigliature più complesse vi rimando all'ebook de La pappa dolce ma per questo tipo di bambola non è necessario complicarsi la vita :-)
Viso
Inserire sul viso tre spilli posizionandoli dove ci saranno occhi e bocca facendo attenzione che siano ad una distanza proporzionata.
Con il filo da ricamo rosso ricamare la bocca inserendo l'ago lateralmente dal punto, cioè, dove dovrebbero esserci le orecchie.
Allo stesso modo ricamare gli occhi.
In alternativa occhi e bocca si possono anche solo disegnare con dei pastelli.
Con il gessetto rosa sfumare la guance.

La bambola è pronta.

P.S. Per realizzare questo tipo di bambola si possono comprare tutti i materiali occorrenti o come nel mio caso, si possono anche usare materiali di riciclo. Ad esempio la maglina per l'incarnato è quella (poca) avanzata dalla realizzazione della bambola Gaia, la stoffa per il corpo era una tendina di un mobiletto Ikea e la lana dei capelli era una gomitolo di recupero di un vecchio maglione fatto da mia nonna.
Finita Sofia mi sono accorta che le proporzioni non erano proprio esatte e che il corpo risultava troppo largo. Dal momento che non avevo tempo per rifare il lavoro, ho ovviato facendo due pinces all'attaccatura delle braccia che "stringono" almeno visivamente e che portano le braccia leggermente in avanti come pronte ad un abbraccio.
Prima di fare le cuciture dell'assemblaggio, se ne avete il tempo, verificate che le proporzioni siano giuste, nel caso correggete rifacendo le cuciture :-)

4 commenti:

  1. complimenti! e grazie per le indicazioni!!!! un bacio alle tue piccole!

    RispondiElimina
  2. E' bellissima... ed è piena d'amore! Complimenti cara, anche per aver trovato il tempo di realizzarla, so quanto è arduo :-)!

    RispondiElimina
  3. Ciao!!! Ti ho trovata passando da "la magia del vento"...Ma che bella questa bambola!!!Anch'io mi sono cimentata quest'anno per la prima volta...La puoi vedere in uno dei miei post di maggio...Compimenti per il tuo spazio...Ti linko tra i miei preferiti
    Buona domenica!
    Silvia

    RispondiElimina
  4. @Mammamichi: grazie...
    @Piccolalory: il tempo dedicato a queste "faccende" è smepre speso bene, non trovi?
    @Silvia: sei la benvenuta. Verrò sicuramente a vedere la tua bambola!

    RispondiElimina