sabato 30 luglio 2011

Camicie in cucina: riciclare il cambio di stagione

In questi giorni di tempo quieto, finito il gran lavoro, ho ripreso respiro e per riordinare la mente mi sono dedicata al cucito. Non è un'attività che pratico spesso ma volevo realizzare un obiettivo facile dal risultato gratificante.
La parola d'ordine è stata: ricicliamo! Dopo aver liberato i nostri armadi dal vecchiume (ricordate?) lo abbiamo selezionato e smistato:
- abiti ancora mettibili donati alle associazioni che li raccolgono;
- abiti da far stracci e panni da lavoro perché quasi trasparenti da quanto sono consunti;
- abiti non più mettibili da poter riciclare in modo creativo.
Tra gli abiti da riciclare ci sono le camicie del marito.


Una volta, e forse ancor oggi, si giravano colletti e polsini delle camicie per farle durare. Qualche rivenditore fornisce nuovi colletti e polsini per sostituirli ma, se le vostre camicie ne sono sprovviste o li avete già girati cosa fare di tutta quella stoffa ancora in buono stato? In rete ci sono molte idee per sfruttarla ma io ho deciso di riprendere la tradizione di famiglia: mia nonna Anna con le camicie realizzava grembiulini da cucina. Di questi io ne ho avuti in dote non pochi e tutt'ora li sto utilizzando.
Preso a modello un grembiulino cucito da lei ne ho realizzato uno ed ecco per voi il tutorial. Io ho utilizzato una camicia in oxford, un tessuto di cotone sottile molto resistente. La taglia è una 39 quindi la misura è perfetta per la mia corporatura. Nel caso la vostra camicia di partenza fosse più grande dovrete ridurre le misure in proporzione. L'azzurro ben si adatta ai toni della biancheria della mia cucina ma nulla vieta di osare colori più vivaci. Alcuni grembiuli cuciti da mia nonna sono squisitamente anni '70 :-)

Grembiule da cucina
(riciclando una camicia)


Occorrente:
1 camicia da uomo di cotone
filo in tinta
forbici
spilli
righello
macchina da cucire
ferro da stiro
Stirare la camicia (noioso ma necessario). Stendere sul piano di lavoro la camicia sbottonata spianando bene la schiena. Tagliare la stoffa lungo le cuciture laterali della schiena fino all'ascella. Poi praticare un taglietto orizzontale verso il centro. Strappare la stoffa in drittofilo.


Si ottiene un rettangolo con un lato arrotondato (questo dipende da come è fatta la camicia). Se, come nel mio caso, la misura lo consente, si può conservare la cucitura in fondo. Altrimenti si deve tagliare la stoffa in eccesso e si dovrà fare una cucitura in più.


Piegare il rettangolo a metà lungo il lato corto. Piegare nuovamente a metà, e poi un'altra volta. Schiacciare bene le pieghe. Aprire la stoffa. Imbastire quattro pinces seguendo le pieghe che si sono formate utilizzando la seconda e la terza piega partendo dal centro.


Piegare i margini laterali rispettando la misura della cucitura del fondo, piegare nuovamente e imbastire.


Cucire i bordi.
Se è stata eliminata la cucitura in fondo piegare come per i bordi e cucire.
Ricavare tre strisce alte 6 cm dalla manica lunghe quanto la manica stessa. Unirle, cucendole al rovescio dal lato corto per ottenere una lunga striscia. Piegarla a metà e poi rimboccare i margini verso l'interno in modo regolare. Imbastire e stirare.


Posizionare la striscia preparata sul piano di lavoro e centrare la stoffa del grembiule. Togliere gli spilli, infilare la stoffa nella fessura, chiudere e imbastire.



Cucire i lati corti della striscia. Cucire il lato lungo della striscia facendo attenzione a comprendere tutti gli strati insieme. In questo modo si ottengono i lacci per allacciare, il bordo superiore e le pinces con una sola cucitura e il tutto risulta ben rifinito.
Volendo, con un altro pezzetto di stoffa della manica si può fare una tasca. Basta tagliare un rettangolo della misura desiderata, cucire il bordo superiore e imbastire la tasca sul grembiule ripiegando i bordi all'interno (stirandoli bene sarà più facile). Un cucitura sui tre lati ed è fatta.
Annodare tutti i fili e il grenbiule è pronto.
Questo è il modello base. Si possono aggiungere decorazioni, ricami e tutto quello che la fantasia suggerisce ricordando però che la cucina necessita di semplicità e praticità.
Le istruzioni si possono usare anche per realizzare un grembiule partendo da una stoffa di cotone acquistata apposta o ricavata da altro.

P.S. Per Marta che me lo chiedeva qui. Nella foto compaiono alcuni dei miei nuovi vestiti acquistati insieme a questi orecchini. Nell'ordine: una camicia di cotone bianca ultraleggera e antirotondità, un paio di jeans talmente stretch da togliere il respiro (e quasi una taglia) e una paio di comodissimi sandali che sostituiscono quelli mitici di Stavros Melissinos comprati ad Atene durante questa vacanza (parliamo del 1996...).

8 commenti:

  1. Stupenda idea riciclosa!!! Complimenti!!! Qui a casa ne servono di grembiuli per la cucina, data la passione del mio moroso... ora so che fare con le camicie che lui non mette più! Grazie! ;)

    RispondiElimina
  2. @Danda: mia nonna era una maestra del riciclo: sana cultura contadina :-)
    I grembiuli, per la loro breve durata, soprattuto se piace cucinare, offrono l'opportunità di ricilare parecchia stoffa... coraggio sono molto semplici!

    RispondiElimina
  3. Ciao Nora! Bellissima l'idea di riciclare le camicie con i grembiuli! Da tempo sto cercando anch'io un'idea intelligente per riusarne un paio. In realtà non sono soggetti facili, nonostante la grande quantità di stoffa disponibile. UN saluto e un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. @Pia: Purtroppo non tutta la stoffa si può riutilizzare. Ho visto però in rete una gonna bellissima fatta con una camicia. Purtroppo la taglia di mio marito non è sufficiente per i miei fianchi :-(
    ecco il link: http://label-free.blogspot.com/2008/09/mens-shirt-refashion-part-one.html

    RispondiElimina
  5. Noi li rigiriamo ancora i colletti delle camicie! Mi segno l'idea del grembiule per il prossimo riciclo. :-)

    RispondiElimina
  6. @Lisa: brava! Io non ho mai provato.

    RispondiElimina
  7. Ehi! Avevo perso questo post! Mi piacciono molto molto i nuovi acquisti, la camicia e gli skinny jeans ti stanno benissimo... e soprattutto non vedo nessuna rotondità da nascondere!!!

    RispondiElimina
  8. @Marta: evidentemente ho scelto bene ;-)

    RispondiElimina