martedì 30 novembre 2010

I diritti naturali di bimbi e bimbe - Il diritto a sporcarsi

Secondo appuntamento con Piccolalory: il diritto a giocare con sabbia, terra, erba, foglie, acqua, sassi, rametti (e molto altro).


Tutte le volte che si può bisogna permettere che i nostri bimbi sperimentino gli elementi naturali che ci circondano:
far scorrere la sabbia fra le dita, bagnarla per costruire un castello con fossato, assaggiarla e sentire che scricchiola sotto i denti...
odorare la terra e saggiarne le consistenze diverse: zappare e rastrellare per prepararla ad accogliere una nuova piccola vita...
tingere i pantaloni preferiti [dalla mamma] di un verde brillante, un verde "erba"...
raccogliere foglie con paletta e secchiello... e scappare con le foglie strappate dalle piante della nonna perché il bello è farsi inseguire...
sentire i rumori dell'acqua: un ruscello, una cascata, un rivolo che scorre dai vasi e uno splash di quella pozzanghera dove mettere i piedi e perché no... anche le mani per vedere sparire la propria immagine...
allineare sassi in una lunga fila e combattere con una spadina di legno facendo correrre il gatto...
:-)

6 commenti:

  1. un diritto sacrosanto, guai a chi lo tocca!

    RispondiElimina
  2. Ciao Nora, ti va di partecipare allo scambio di Natale che sto organizzando sul mio blog?
    http://ilcoltellodibanjas.blogspot.com/2010/11/scambio-di-nataleprontivia.html

    baciii :-)

    RispondiElimina
  3. Il verde "erba" è uno dei miei colori preferiti. Mai farsi mancare nel guardaroba un paio di pantaloni di quel colore ;)

    RispondiElimina
  4. confesso che non immaginavo di trovare sancito questo diritto, che credo sia il più naturale e anche il più bello

    RispondiElimina
  5. Che belle immagini che hai descritto...

    RispondiElimina
  6. @tutte: questo diritto è tra i preferiti dai bambini, almeno dalla mia primogenita...

    RispondiElimina