martedì 22 giugno 2010

Coltivando la terra si coltiva anche la felicità

 Tra le piante si prova la sensazione di avere trovato con estrema facilità il nostro posto al mondo.
Di trovarci esattamente dove dovremmo essere.

 Qualche tempo fa Danda mi chiedeva cosa avevamo piantato nell'orto di casa. All'epoca c'erano solo quattro piante di carciofo che di lì a poco hanno dato i sospirati frutti (non molto buoni ma si sa, erano i primi e in ritardo...). Da qualche settimana, superato con successo il periodo di freddo intenso che abbiamo avuto a maggio, l'orto ha cominciato a dare le sue primizie.

Devo complimentarmi con mia madre per il tempo che dedica a queste piantine e per tutta la fatica che fa!

(titolo del post e citazione da: Pia Pera, Giardino & ortoterapia. Coltivando la terra si coltiva anche la felicità, Milano, 2010)

3 commenti:

  1. Ma che meraviglia!!!
    Complimenti a tutti voi, mamma compresa!
    Grazie per la citazione e per esserti ricordata della mia richiesta!
    Se l'anno prossimo riesco a mettere a posto un po' questo giardino incolto che ho ti verrò a chiedere qualche consiglio.
    Un abbraccio e buona giornata!

    P.s.: Che bello che dev'essere questo libro... quasi quasi lo metto tra i libri desiderati di aNobii! ;)

    RispondiElimina
  2. verissimo... fra le piante dell'orto ci si ricongiunge con questo mondo ... he he
    L'altro giorno sono scesa nel mio... ho preso un cesto grande di bietoline e spinaci ( gli ultimi ) ... li ho messi in padella con aglio , olio , poi ho aggiunto i ceci già cotti e una spruzzata abbondante di Curry ... una bontà... Le cose che nascono nel proprio orto hanno in più un pò della nostra anima... mmm ti abbraccio!

    RispondiElimina
  3. @Danda: il libro non è male, leggilo se trovi un po' di tempo.
    @Stefania: ricettina interessante la tua...da provare, grazie!

    RispondiElimina