sabato 15 maggio 2010

Del furor di aver libri

 

Appuntamento primaverile irrinunciabile per gli appassionati del libro e della lettura si è aperto giovedì scorso il Salone internazionale del libro di Torino.
Tema di quest'anno: La memoria, svelata.
Un tema particolarmente caro alla nostra famiglia, viste le nostre professioni... e fautore di un'occasione decisamente inaspettata: parlare in uno degli eventi organizzati dagli editori.
La giornata non si è svolta proprio come l'avevo immaginata: complici un brutto raffreddore, due notti insonni, una partenza ritardata e un navigatore impazzito siamo arrivati molto più tardi del previsto... orrore!
Abbandonato temporaneamente il marito al suo destino di oratore ho cominciato a girare tra gli stand come una trottola impazzita cercando di vedere tutto, leggere tutto, ascoltare tutto...


Immaginate una libreria di migliaia di metri quadri, con esposti un mare di libri per tutti i gusti e per tutte le tasche, con editori disposti a raccontare i progetti in corso, i cataloghi con le novità, le edizioni istituzionali, i gadget pubblicitari... da perdere la testa.
Fortunatamente ero stata previdente e non avevo gonfiato troppo il portafoglio, che, con mio sommo disappunto, pssss, si è sgonfiato in un baleno.
Non ho saputo resistere: non avevo in mente libri per me e mi sono lasciata tentare da libri per Amelia (non essendo andata a Bologna mi era rimasta una certa smania d'acquisto insoddisfatta).
Purtroppo nessun incontro con gli autori: troppo poco tempo a disposizione e poi, avevo già il mio incontro vip!
Memoria tradita / Tradimenti della memoria: un titolo significativo per presentare una ricerca molto interessante con la quale ristabilire la reputazione e la verità storica su alcuni personaggi protagonisti del Risorgimento italiano.


Nel frattempo, nello stand a fianco campeggiava questa citazione:

"Scrivere è fare domande. Non importa se le risposte sono vere o puro cuento. Alla fin fine solo la storia viene ricordata e la verità svanisce come l’inchiostro blu pallido su un disegno per ricamo a buon mercato"
(Sandra Cisneros)

Appuntamento al prossimo anno.
(titolo del post: Del furor di aver libri, G. Volpi)

Nessun commento:

Posta un commento