giovedì 29 aprile 2010

La cerca delle 7 fave

(foto qui)
Le fave, ottimi legumi di questa stagione, sono sempre state collegate a superstizioni e credenze, soprattutto legate al culto dei defunti.
Si piantano il  2 novembre, giorno dei morti,  o nei giorni di novembre  contenenti  il numero 7, chi trova la fava nella Galette des rois  sarà  incoronato re del giorno,  chi trova un baccello con 7  fave avrà un periodo fortunato ... ecc.
Sarà! Io le adoro e sono felice di trovarle in vendita: fino a qualche anno fa dalle nostre parti non era così facile acquistarle e per garantirci questa delizia mia mamma le ha spesso coltivate. (Quest'anno no perché il terreno dell'orto ha riposato tutto l'inverno).
Si possono mangiare crude semplicemente con un po' di sale ma un connubio particolarmente riuscito per chi non ha voglia o tempo di cucinare rimane fave e pecorino.
Chi invece vuol dare a questo legume una morte gloriosa dovrebbe provarle così: stufate con il finocchio selvatico.
Questa ricetta è di quelle tramandate dal lato marchigiano della nostra famiglia: in stagione si fanno di domenica in accompagnamento al coniglio, una vera delizia.
Direi che l'aiuto di familiari o amici può rivelarsi prezioso: si possono trascorrere ore in piacevoli chiacchiere mentre si sbucciano i baccelli in cerca delle 7 fave fortunate... la resa è di circa 225-250 g per Kg!

Fave al finocchio selvatico
Ingredienti
500 g fave tenere sbucciate (circa 2,5 Kg con la buccia)
1 piccola cipolla
1 pezzetto pancetta dolce
1 cucchiaio conserva di pomodoro (o concentrato)
rametti e foglie di finocchio selvatico q.b.
brodo q.b.
4 cucchiai olio extravergine d'oliva
sale e pepe
In un tegame rosolare con l'olio la cipolla affettata sottile e la pancetta. Aggiungere le fave, il finocchio e la conserva di pomodoro. Fare prendere colore e coprire a filo con il brodo. Potare a cottura. Prima di servire eliminare le parti più voluminose del finocchio e la pancetta.
Bon appétit!
____________________
Menu settimanale
giovedì: tortiglioni al pomodoro, carote in insalata
venerdì: frittata agli spinaci, lattuga iceberg in insalata
sabato: risotto alle zucchine, pinzimonio [pranzo] - scaloppine di maiale al vino bianco, funghi e cipolline alla contadina [cena]
domenica: fave al finocchio, coniglio arrosto, bavarese di yogurt con fragole
lunedì: minestrone
martedì: spezzatino di pollo alla soia, spinaci al burro
mercoledì: lasagne con catalogna

2 commenti:

  1. noo... oggi minestrone, uff! :-)

    RispondiElimina
  2. @ Luca: Il minestrone è un ottima minestra...allungabile, ti ci devi abituare ;-)

    RispondiElimina