giovedì 25 marzo 2010

Storie di grano saraceno

Ieri al lavoro mi è capitato fra le mani un volumetto di Ernesto Ferrero molto interessante, si tratta de: La luna del Manzoni e altre storie di grano saraceno, Como, 2009.

In questo piacevole trattatello si parla del grano saraceno, un ingrediente tipico della cucina valtellinese di cui scopro origini, usi e due splendide citazioni letterarie: Alessandro Manzoni che ne I promessi sposi descrive la polenta taragna come piccola luna in un gran cerchio di vapori e Hans Christian Andersen che scrive addirittura un racconto che parla di questo cereale.
Ispirata da queste letture, per questo Giovedì da Nora non scriverò la ricetta di qualcosa che cucinerò questa settimana ma di un piatto che amo in tutte le stagioni: i pizzoccheri.
La ricetta, che può considerarsi a tutti gli effetti una ricetta tradizionale della cucina italiana, è comune a tutta la Valtellina con una viariante importante a Chiavenna, dove il termine pizzoccheri indica degli gnocchetti, ma qui riporterò la ricetta codificata e registrata dall'Accademia del Pizzocchero di Teglio.

Pizzoccheri di Teglio

Ingredienti
400 g farina di grano saraceno
100 g farina bianca
200 g burro
250 g formaggio Valtellina Casera dop
150 g grana padano grattuggiato
200 g verze tagliate a pezzetti (possono essere sostituite, a secondo delle stagioni, con coste o fagiolini)
250 g patate tagliate a tocchetti
uno spicchio di aglio
sale e pepe
Mescolare le farine, unire poca acqua e lavorarle fino ad avere un impasto consistente ma elastico. Stendere con il mattarello una sfoglia di 2-3 millimetri e tagliarla a strisce larghe 7-8 centimetri. Sovrapporre le strisce e tagliarle nel senso della larghezza, ottenendo delle tagliatelle larghe circa 5 millimetri. In una pentola capiente portare a bollore abbondante acqua salata e cuocervi verze e patate. Dopo circa 5 minuti unire i pizzoccheri. Dopo una decina di minuti raccogliere pizzocheri e verdura con la schiumarola e versarli in una teglia ben calda facendo degli strati alternando pizzoccheri e formaggio (Casera e grana grattuggiato) fino al termine degli ingredienti.
Rosolare l'aglio nel burro e poi versarlo sui pizzoccheri.
Non mescolare, spolverare con una macinata di pepe e servire ben caldi.
Bon appétit!
____________________
Menu settimanale
giovedì: pizza margherita, patatine
venerdì: frittata, erbette saltate
sabato: risotto zafferano e salsiccia, cicoria Milano in insalata [pranzo] - torta di coste [cena]
domenica: coniglio e patate arrosto, budino al cioccolato [pranzo] - panini [cena]
lunedì: pasta e fagioli
martedì: tortiglioni pancetta e funghi al forno
mercoledì: scaloppine di maiale, carote saporite

1 commento:

  1. Che buoniii!!non li ho mai fatti da me, li ho sempre comprati..dovrò provare!
    ps che bella l'idea dei "giovedì da Nora"! :-)

    RispondiElimina