lunedì 1 marzo 2010

Golosità profumate anti-tristezza


Luca non ha fatto in tempo a scendere dall'aereo - quasi - e già avevo in mano una golosità che amo appassionatamente: i macarons. Sono dei dolcetti squisiti: due piccole conchiglie rotonde leggermente croccanti che racchiudono un ripieno fondant sempre profumatissimo e dai colori e dai gusti più disparati. La maison Ladurée ne produce più di 26 tipi differenti. Questa volta ne ho assaggiato uno che mi ha colpito particolarmente: un piccolo momento d'estasi ai fiori d'arancio.
Tempo fa ho provato a farli con un discreto successo e mi sono ripromessa di rifarli... devo solo scegliere il gusto.
Insieme ai macaron mi sono stati regalati due tipi differenti di tè: un'altra mia passione. Luca li ha scelti per me insieme al nostro amico Max nella maison Dammann Frères. Due miscele molto diverse tra loro: Paul& Virginie (n.11), un dolcissimo tè nero con frutti rossi e vaniglia che prende il nome dal celebre romanzo di J.H. Bernardin de Saint-Pierre, e uno stupefacente Earl Grey Yin Zhen (n.0), un profumatissimo tè nero cinese con punte di tè bianco e olio essenziale di bergamotto di Calabria, girasole e fiordaliso.
Non ho saputo resistere e ho assaggiato il tè ai frutti rossi. Io generalmente non amo i tè con frutta ma questo sembra una spremuta di frutta con un restrogusto leggerissimo di tè, una meraviglia.

Direi che la lunga e triste assenza del marito è stata dimenticata, anzi, sarebbero graditissimi tanti ritorni con doni come questi...

3 commenti:

  1. Anch'io sono in fase tè. Ho scoperto un blog/sito che li vende online e mi sono lanciata in acquisti folli. Il bello del tè è anche che ti dà anche più soddisfazione di un dolce, ma con molte meno calorie.
    Ma, a questo punto, urge ricetta dei macaron ;-)

    RispondiElimina
  2. I macarons di Ladurée! Mitici. Come il verdino della sua boiserie. Quanto al té, concordo con Lanterna: può dare più soddisfazioni di un dolce...

    Sabrine

    RispondiElimina
  3. Che buoni i macarons di Ladurée.. credo che sia la mia "coccola" gastronomica preferita...

    RispondiElimina