giovedì 14 gennaio 2010

La cucina in dispensa

Oggi non sono andata a fare la spesa come mio solito. Ero talmente stanca che appena rientrata a casa dal lavoro ho appoggiato la testa sul divano e ho dormito profondamente fino a quando una vocina allegra e squillante non mi ha svegliato. Poco male direte voi... nulla di grave dico io: peccato che la mia organizzazione settimanale - già peraltro precaria - ne risentirà. A cominciare dal menu: cosa cucinerò per cena?
Niente panico: mi verrà in soccorso la mia dispensa fornitissima! Ho imparato da mia madre a fare la spesa e lei mi ha insegnato ha comprare bene e in quantità sufficiente senza spendere molto, ma soprattutto ad organizzare la dispensa: i generi alimentari di primo soccorso non mancano mai.
Ecco cosa ho trovato per organizzare una cenetta niente male:
un cotechino precotto (residuo degli acquisti di Natale)
una scatola di lenticchie lessate
delle patate
aglio
scalogno
erba salvia
brodo
conserva di pomodoro
Ed ecco il risultato:

Cotechino alla piastra con crema di lenticchie e patate al vapore
Ingredienti:
un cotechino precotto (o avanzi di cotechino)
3-4 patate medie
1 scatola di lenticchie lessate
2 scalogno
1 spicchio d'aglio
qualche foglia di erba salvia
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro o di conserva
brodo q.b.
olio extravergine di oliva
sale
pepe
Lessare il cotechino seguendo le istruzioni riportate sulla confezione.
Nel frattempo cuocere a vapore le patate sbucciate e tagliate a cubetti.
Rosolare in poco olio lo scalogno tritato, unire l'aglio, la salvia, le lenticchie scolate e ben sciacquate  dal liquido di conservazione, il pomodoro e insaporire bene. Coprire con il brodo e lasciare stracuocere le lenticchie. Eliminare l'aglio e passare il tutto al setaccio o ridurre in crema con il frullatore ad immersione. Tenere in caldo.
Scolare il cotechino e tagliarlo a fette alte un dito circa. Scaldare bene una padella antiaderente e passare le fette di cotechino da entrambi i lati per sgrassarlo bene e far fare una crosticina. Mettere la crema di lenticchie a specchio sul piatto e appoggiarvi le fette di cotechino. Contornare con le patate e servire subito.
Bon appétit!

6 commenti:

  1. Ciao Nora, sono arrivata qui perché mi ha incuriosito il fatto che tua figlia si chiami come la mia (avevi fatto un commento su La casa nella prateria, se non sbaglio).
    Dal momento che odio fare la spesa e posso permettermi di non farla per quanto riguarda le proteine animali, ti do un consiglio per quanto riguarda almeno le verdure e la frutta: io mi sono abbonata alla Bioexpress, un servizio che recapita settimanalmente una cesta di frutta e/o verdura a tuo piacere. Sono molto soddisfatta ed ecco perché lo consiglio a tutte le persone di cui mi sembra di condividere lo stile di vita (giuro, non prendo una percentuale). Se ti interessa, fammelo sapere, così ti segnalo il loro indirizzo internet.
    Un saluto
    Chiara

    RispondiElimina
  2. Ciao, grazie per la segnalazione, non sei la prima che mi consiglia Bioexpress. Credo che facciamo davvero un buon servizio. Fai bene a segnalarlo. Noi stiamo ancora meditando... proprio questa sera si parlava con alcuni amici di fare un gruppo di acquisto solidale: vedremo.
    Sono venuta a curiosare da te... ho capito bene: hai un marito che si chiama Luca? Se è così abbiamo un'altro nome in comune.

    RispondiElimina
  3. Uffi, anche io ho imparato a fare la spesa dalla mia mamma (che poi è anche la tua)... ma non ho tutte queste cose in dispensa. Al massimo io posso trovare una scatoletta di tonno :-)

    RispondiElimina
  4. Anche con solo una scatoletta di tonno si può far qualcosa... ;-)

    RispondiElimina
  5. No, non ci credo! ;-)
    Beh, del resto se io e un mio compagno di master abbiamo fatto le nostre bambine nello stesso anno e le abbiamo chiamate entrambe Amelia (senza averne mai parlato e senza esserci sentiti per un anno e mezzo nell'intanto)... Per fortuna sono ragionevolmente sicura che il secondo non lo chiamerà Ettore, perché già suo fratello si chiama così.

    RispondiElimina
  6. Ettore è proprio un bel nome... magari potrei tenerlo in considerazione se avessi un figlio maschio! Scherzo. Decideremo se e quando arriverà.

    RispondiElimina